Home Produzione Laboratorio Normativa Contatti
  Schede Tecniche

 Celle Depurative FARA
 Chimico-Fisico-Biologico
 Corpi di riempimento
 Disoleatori
 Evapotraspirazione
 Fanghi Attivi
 Fitodepurazione
 Lagunaggio
 Lavaggio auto
 Piante
 Prima pioggia
 Subirrigazione

  In primo piano
Guida alla scelta dell'impianto
Premi di laurea

  Pubblicazioni
 Prontuario delle tecniche
 di depurazione naturale
 Guida al dimensionamento
 di impianti di fitodepurazione
 Manuale di rinaturalizzazione
 dei processi depurativi
 TECNOLOGIE NATURALI:
  i filtri percolatori a contatto
  Software
DEF
Progettazione fanghi attivi
EVP-CAD
Progettazione evapotraspirazione
FITO-CAD
Progettazione fitodepurazione
  Scelti per voi
 Una selezione di libri
 gratuiti sulla depurazione

Impianti di Fitodepurazione a Flusso Verticale

fitodepurazione fitodepurazione
fitodepurazione fitodepurazione
fitodepurazione fitodepurazione
fitodepurazione fitodepurazione

Impianti di Fitodepurazione a Flusso Sub-Superficiale

fitodepurazione fitodepurazione
fitodepurazione fitodepurazione
fitodepurazione fitodepurazione

Caratteristiche degli impianti per la fitodepurazione
La fitodepurazione è adottata preferibilmente per insediamenti con utenze fino a 500 abitanti; la sola condizione necessaria è che esista una rete separata per le acque bianche e nere.
Le acque in uscita da un impianto di depurazione preferibilmente a letto percolatore sono giÓ scaricate secondo i parametri della tab.3 della legge 152/99; per garantire una ulteriore efficacia del sistema depurativo vengono realizzati dei veri e propri vassoi assorbenbti, formati da bacini VTR o CAV< (con una leggera pendeza dell'1%).

Il riempimento dei vassoi viene effettuato con un primo strato di ghiaia a granulometria fine 2-4 mm per un'altezza fino a 10 cm. Lo spessore Ŕ completato da uno strato di ghiaia di circa 30 cm composto da tre classi di granulometria da 2-10 mm.

Il refluo arriva al vassoi attraverso un tubo che si innesta in un altro "tubo a pioggia" inserito nel vespaio ad una profonditÓ di 20-30 cm circa; il refluo si ripartisce per tutto il vassoio per tracimazione dal tubo a pioggia.

Assume rilevante importanza in questo tipo di impiantistica, la piantumazione di essenze arboree quali la phragmites australis (canne), carex, juncus efflussus su materiale inerte in numero di 4-5 rizomi a mq. che occupano gran parte dei vassoi e garantiscono una filtrazione biologica.

Le pareti laterali del vassoio avranno una pendenza tale da permettere la piantumaizone di specie arbustive e/o officinali.

Tutti gli impianti realizzati dalla Fratticci Anna Riequilibrio Ambientale
sono progettati e costruiti secondo le esigenze del cliente.

Per preventivi dettagliati scrivere a: riequilibrio@fratticci.com

©2007 F.A.R.A. s.r.l.